Backup WordPress: il miglior plugin per il tuo sito o blog

Backup Wordpress BackupBuddy

Se anche tu sei un blogger come me e utilizzi la più famosa piattaforma di blog del mondo, sicuramente concorderai su quanto sia importante avere il backup WordPress sempre aggiornato e costantemente disponibile.

Mesi o anni di articoli e commenti, liste di iscritti alle newsletter, plugin installati e configurati nel corso del tempo sono un patrimonio troppo prezioso che va preservato da tutte le possibili cause di perdita dati e compromissione del tuo blog.

In questo articolo voglio parlarti di uno in particolare che utilizzo e che mi sta dando soddisfazioni.


 

Tra i tanti plugin per backup WordPress scegli il migliore!

Plugin per backup WordPress ne esistono innumerevoli, molti dei quali svolgono egregiamente il proprio lavoro, tuttavia quando si parla di sicurezza è fondamentale optare per la soluzione migliore.

Per questo e altri blog che gestisco, ne ho provati tanti nel corso degli anni, sia gratuiti che a pagamento, ed ho anche provato a gestire i backup anche manualmente con risultati disastrosi!

Fino a quando ho provato BackupBuddy ed ho subito capito che quello sarebbe diventato finalmente il mio metodo ufficiale per gestire i backup WordPress.

Mi è piaciuto per via di una serie di utili funzionalità che ti racconto.

 

Prima di tutto: procedura di backup WordPress

Il primo passo per assicurarsi di avere i dati al sicuro è la configurazione della procedura di backup. Tale procedimento è estremamente semplice, simile ad altri plugin di backup WordPress ma con due importanti differenze:

  • Modalità di backup.
  • Destinazione degli archivi.

Modalità di backup

E’ possibile scegliere tra due modalità di backup: database o completa.

La modalità database esegue esclusivamente la copia del database tralasciando i file, quindi non vengono backuppati articoli, commenti, immagini e filmati, oltre i file di sistema di WordPress.

Viceversa la versione completa effettua una salvataggio di tutto il blog, database incluso.

Ovviamente la seconda opzione impiega più tempo rispetto all’altra, per cui è bene calcolare i tempi di esecuzione, prediligendo i periodi in cui il sito è meno visitato in quando potrà risentire di una certa lentezza.

Destinazione degli archivi

Oltre al server dove è ospitato il blog è possibile scegliere tra diverse destinazioni per conservare l’archivio di backup:

  • Spazio FTP
  • Dropbox
  • Amazon S3
  • Google Drive
  • Email
  • BackupBuddy Stash
Backup WordPress - Destinazioni remote backupBuddy

Lista delle destinazioni remote di BackupBuddy

 

Se quasi tutti servizi disponibili non hanno bisogno di presentazione, una mozione particolare merita il servizio BackupBuddy Stash.

Si tratta di uno spazio di 1Gb a disposizione sui server di BackupBuddy, molto comodo in quanto permette di avere una sorta di console remota aggiuntiva per avere sott’occhio la situazione dell’archivio.

Inoltre permette di impostare diverse opzioni, tra le quali la principale è la possibilità di definire il numero di file di backup da mantenere.

Ad esempio se viene impostato a 5, il sesto sovra-scrive il primo in ordine di tempo.

Backup WordPress- Console di gestione BackupBuddy Stash

Console di gestione BackupBuddy Stash

Grazie a questa opzione il tuo backup sarà sempre disponibile in quanto, in caso di crash del tuo blog, esso risiede su altri server per cui al sicuro.

Naturalmente è presente una sezione dove è possibile effettuare una programmazione dei vari backup.

 

La forza di BackupBuddy è nel ripristino

Abbiamo appena visto che la funzione di backup WordPress è svolta brillantemente da BakupBuddy; nonostante ciò questo è solo il primo passo per avere la garanzia che i dati siano effettivamente al sicuro. La cosa più importante è fare in modo che il backup del tuo blog all’occorrenza abbia le seguenti caratteristiche:

  • Sia effettivamente disponibile
  • Sia ripristinabile sul nuovo server
  • Vada online in tempi brevi

Ed è proprio sulla funzionalità del ripristino che la differenza tra BackupBuddy e gli altri plugin si fa notevole.

Tralasciando il primo punto del quale ho già discusso, vorrei soffermarmi sugli altri due, la vera forza di questo plugin.

In caso di disastro infatti, è sufficiente seguire questi semplici passi:

  1. Creare una cartella accessibile sul nuovo server
  2. Caricarvi il file di backup, insieme al file importbuddy.php, scaricabile dal pannello di gestione di BackupBuddy (il mio consiglio è di conservare una copia di tale file nell’archivio remoto)
  3. Lanciare importbuddy.php da browser (http://nuovoserver/percorso/importbuddy.php) e seguire la procedura guidata con l’unico accorgimento di creare nuovi database e utente con relativi permessi. La procedura di ripristino ti indicherà i dati del vecchio blog in modo da poterli eventualmente ricreare tali e quali.
Backup WordPress - BackupBuddy Schermata iniziale della procedura di ripristino

Schermata iniziale della procedura di ripristino

Questa procedura non solo è semplice ed intuitiva ma anche estremamente rapida: effettuando un test di disaster recovery con questo blog ho impiegato non più di cinque minuti per ricreare da capo tutta il sito che, al termine, è risultato perfettamente funzionante.

 

Conclusioni

Come avrai sicuramente capito sono molto entusiasta di questo plugin che ti consiglio vivamente.

Al costo di poche decine di euro (il costo è annuale e include i continui aggiornamenti al plugin) ti porterai a casa una vera e propria suite di sicurezza, in quanto comprende anche un malware scan e un software di analisi di sistema che determina situazioni di pericolo nella configurazione di WordPress.

Con BackupBuddy potrai dormire sonni tranquilli sapendo che il blog è in buone mani!

Hai esperienza con questo altri plugin per il backup? Ti servono ulteriori informazioni sul funzionamento o la configurazione?

Lascia il tuo commento e sarò felice di rispondere alle tue richieste.

Vuoi creare il tuo blog da solo e in poco tempo? CLICCA QUI

About the author

Daniele Donati

Sono Daniele Donati, blogger, copywriter e webwriter. Per conoscermi meglio leggi la mia pagina

Leave a comment:


>