Creare le Buyer Personas per il tuo blog: la guida completa

Creare le Buyer Personas per il tuo blog: la guida completa

Forse ti è già capitato di leggere un articolo che descrive le buyer personas, la loro importanza in un progetto web e di quanto siano fondamentale per creare contenuti sul tuo blog.

Ogni volta finito di leggere, però ti rimane sempre qualche dubbio, e talvolta le idee sono più confuse rispetto a prima di iniziare l’articolo.

Questo articolo è una guida pratica su come creare davvero le tue buyer personas, completa di checklist.

Ho scritto questa guida perché ho letto molte guide: tanta teoria, qualche consiglio “astratto”, ma alla fine delle tue buyer personas ancora nessuna traccia.

Così, dopo averle create, ho deciso di condividere quello che ho imparato.

Come esempio, troverai anche le mie, quelle che uso per questo blog, così avrai modo di confrontarle con quelle che creerai.

Sei pronto? Si comincia.

Che cosa sono le buyer personas

Sì lo so che ho appena scritto “niente teoria, solo pratica”, ma se sei capitato su questo articolo prima di leggerne altri che trattano questo argomento, devi capire di che cosa parliamo.

In estrema sintesi, le buyers personas sono delle rappresentazioni verosimili dei lettori del tuo blog in tutto per tutto.

Facciamo qualche esempio per farti capire al volo.

  • Se hai un blog di cucina, le tue personas potrebbero essere mamme casalinghe, giovani aspiranti cuochi o maschi single che vogliono imparare a farsi da mangiare.
  • Gestisci un sito che tratta di gaming online? Molto probabilmente il lettore tipo sarà un giovane appassionato di videogiochi.
  • Per quanto riguarda un blog aziendale collegato a un sito che vende un software di fatturazione, i tuoi lettori potrebbero essere degli startupper o imprenditori old school che hanno deciso di abbandonare il vecchio gestionale.

Riesci a capire che per ognuna di queste categorie, il tipo di contenuti che pubblichi, il tono che usi e il grado di formalità dovranno essere totalmente differenti?

Per fare questo è necessario avere una o più buyer personas e, quando scrivi un articolo, un infoprodotto o una pagina web, le dovrai avere stampate nella mente.

Partiamo con la pratica.

Creare le buyer personas per un nuovo blog (o migliorarle per uno esistente)

Hai appena deciso di creare un tuo blog e non hai ancora pensato alle buyer personas?

Non preoccuparti: anche io quando ho aperto il mio primo blog non avevo idea né di cosa fossero, né a cosa servissero.

Fino a quando ho capito che stavano arrivando sul mio blog dei lettori che NON volevo.

Scrivevo su un blog che trattava di tecnologia e scrittura per il web.

Mentre il mio interesse cresceva verso quest’ultimo argomento (tant’è che ora in questo blog parlo solo di scrittura per il web) puntualmente mi arrivavano messaggi e commenti riguardo agli articoli che scrivevo sulla tecnologia.

Erano lettori che non volevo, ma ormai era troppo tardi così decisi di abbandonare quel blog e aprirne uno tutto mio.

Abbiamo detto che le buyer personas sono quindi i lettori ideali del tuo blog, il tuo pubblico di riferimento ai quali vuoi scrivere e con il quale vuoi confrontarti.

Sono strettamente collegate alla unique value proposition del tuo blog. Ma come partire se non hai ancora le idee troppo chiare?

Pensa a che tipo di persona cerchi perché devi avere almeno in mente una tipologia di pubblico in target con gli argomenti del tuo blog.

Se non sai dove partire per creare il tuo pubblico di lettori – se il tuo riferimento è una audience italiana – ti invito a dare un’occhiata all’interessante ricerca demografica Grande Mappa e nuovi Stili di Vita.

Questo studio mostra una mappa tridimensionale sulla distribuzione della popolazione del nostro paese. Il pubblico del tuo blog ricadrà sicuramente su uno dei settori raffigurati in questa mappa:

La Grande Mappa dei nuovi Stili di Vita
Nella grande mappa sono rappresentate tutte le categorie italiane

Tieni presente che, pur essendo attuale con i dati demografici, risale al 2004 prima dell’avvento di massa dei social network, quindi devi pensare un attimo a come si colloca ogni fascia sociale in questo ambito.

(un’interessante e utile spiegazione di questa mappa la trovi in questa presentazione Slideshare).

Una che ti sei fatto un’idea di target, inizia a scrivere contenuti indirizzandoli a quel target e pubblicali sul tuo blog.

Analizza i risultati del tuo blog

Misurare i visitatori del tuo blog è molto importante per calibrare il target di lettori. Dopo circa una settimana, dai un’occhiata ai dati di Google Analytics e cerca di capire se ricadono nelle stesse categorie.

Se più o meno ci sei, hai azzeccato e possiamo passare alla fase due, altrimenti hai due opzioni:

  • cerchi di aggiustare i tuoi contenuti rendendoli più adatti al macro-target che avevi individuato, oppure
  • ti concentri su questo nuovo target che hai trovato “casualmente”.

Bene, ora è il momento di raffinare il target.

Scrivi e promuovi il tuo capolavoro

Prendi il tuo articolo che hai già scritto e che ritieni essere il più importante del blog, oppure fanne uno nuovo, non importa, la cosa fondamentale è che deve essere il tuo capolavoro.

E’ arrivato il momento di promuovere questo contenuto chiave del tuo blog.

Utilizza la strategia che preferisci tra Facebook e Google Adwords, ma il mio consiglio è di utilizzare il primo perché ti permette di avere più dati anagrafici a tua disposizione.

Tieni il post sponsorizzato attivo per almeno una settimana, poi analizza i dati di insight e incrociali con quelli di Analytics e avrai una quadro più completo del tuo target.

Fai nascere le tue Buyer Personas

Finalmente ci siamo: è il momento di dare un nome alle tue buyer personas.

E quando dico un nome, intendo proprio questo: dovrai battezzare i tuoi lettori tipo, dar loro un volto e una storia personale.

Lo schema seguente contiene le domande che devi porti per aiutarti a creare le tue buyer personas: seguilo fedelmente, senza tralasciare alcun passaggio perché, anche se alcuni ti sembreranno strani, sono tutti fondamentali per la riuscire a creare gli schemi giusti.

La checklist con le 20 domande per definiscono le tue Buyer Personas

Ecco quindi le domande indispensabili per la creazione del tuo lettore target.

   Dati anagrafici e background

  1. Quali sono i dati anagrafici della tua persona? [nome, cognome, età, paese di nascita]
  2. Dove vive la tua persona?
  3. E’ single o sposato? Ha figli?
  4. Quali sono stati i suoi studi e come è iniziata la sua carriera?
    Lavoro e ruolo
  5. Per quale azienda, ente o associazione lavora? Che dimensione in termini di dipendenti e fatturato?
  6. Qual è il suo ruolo? Quali capacità sono indispensabili per il suo ruolo?
  7. Riporta a un superiore? Gestisce dei collaboratori? Oppure lavora in maniera indipendente?
  8. Com’è la sua giornata lavorativa tipo?
    Obiettivi
  9. Quali sono i suoi obiettivi in ambito professionale?
  10. Cosa significa avere successo nel suo ruolo?
    Abilità e abitudini
  11. Quali sono le sue più grandi e riconosciute abilità professionali?
  12. Quali strumenti utilizza per lavoro?
  13. Dove si informa? Legge giornali di settore, riviste, blog?
  14. Usa i social network? Quali e con che frequenza?
    Preferenze d’acquisto
  15. Come interagisce con clienti fornitori e collaboratori (email, telefono, di persona)?
  16. Usa internet per informarsi su prodotti e servizi? Acquista online? Con che frequenza?
  17. Qual è la sua capacità di investimento mensile e annuale?
    Esigenze e necessità
  18. Quali dubbi e le sue paure ha in ambito professionale?
  19. Quali problemi deve risolvere?
  20. Quali sono i bisogni da soddisfare?

Ok prendi carta e penna e rispondi a ognuna di queste domande.

Se non hai troppa fantasia con l’anagrafica, esistono dei siti come questo generatore di nomi italiani, che fornisce anche altri dettagli utilizzabili come data e luogo di nascita, indirizzo e perfino segno zodiacale e numero di carta di credito!

Nella schermata che ti si presenta hai solo le impostazioni di base dove puoi scegliere, sesso, set di nomi e paese, mentre nelle impostazioni avanzate puoi anche definire un range di età.

E per quanto riguarda l’aspetto fisico? Ricorda: per essere credibili, le tue personas devono avere un vero volto.

Prova a dare un’occhiata a questo generatore di foto utenti random, troverai certamente quella che fa per te. Basta selezionarne una e cliccare con il tasto destro e salvarla sul tuo computer.

Gianluca-Buyer-Personas
Ti presento Gianluca una delle mie tre buyer personas.

Quante buyer personas devi creare?

Anche se alcuni esperti consigliano di crearne il più possibile, per avere un blog che funzioni e non perdersi nello scrivere contenuti indirizzati a un pubblico troppo vasto, ti consiglio di usare al massimo tre personas.

Possono essere affini tra di loro, oppure completamente diverse, non importa. La cosa fondamentale è che tutte rientrino nelle macro-categorie che hai analizzato prima su Analytics e gli insight di Facebook.

Questo ti aiuterà a mantenere il focus sul tuo obiettivo e a far arrivare sempre più lettori sul tuo blog. Se ti rimane ancora tempo potresti immaginare e creare la tua “non” persona. In che cosa consiste?

Se le buyer personas sono i tuoi lettori tipici, le “non” personas sono coloro i quali non vorresti avere come lettori, che andranno categorizzate all’esterno delle rappresentazioni che ti sei fatto basandoti sulla mappa.

Ti serviranno in caso ti dovessero sorgere dei dubbi riguardo ai lettori che non vuoi avere e non fare la mia stessa fine con il blog precedente!

Come usare le tue Buyer Personas

Bene, abbiamo visto che per avere successo, il tuo blog deve rivolgersi a un pubblico ben definito e per farlo devi immaginarti i lettori ideali.

Ogni volta che scriverai un nuovo contenuto – un articolo del tuo blog, ma anche una landing page, una sequenza di email per il tuo funnel e perfino la tua biografia personale – tieni sempre a mente per quale buyer persona stai scrivendo.

Grazie a queste potrai gestire al meglio la tua comunicazione in merito a:

Il tuo linguaggio verso il target

Stile di scrittura, tono della comunicazione e livello di formalità sono strettamente dipendenti dal tipo di pubblico.

Io ti sto parlando in maniera molto diretta e colloquiale perché ho deciso che il mio linguaggio deve essere il più diretto possibile per una maggiore efficacia.


Voglio stabilire il giusto feeling con i miei lettori e penso che la strada giusta sia questa perché l’ho stabilito definendo il mio lettore tipo.

I contenuti che pubblichi

Anche i tuoi contenuti che crei sono influenzati dalla tipologia pubblico ai quali sono diretti.

Forse il tuo target è più propenso a leggere articoli molto teorici e approfonditi, oppure più pratici e veloci; forse prediligono email lunghe e testuali rispetto a brevi e in formato HTML.

Queste risposte ti vengono fornite solo grazie a uno studio approfondito delle tue buyer personas.

Il canale di condivisione

Se ricordi tra le 20 domande ce n’era una che riguardava i social network utilizzati.

Questo perché ogni target predilige un social media rispetto a un altro e per evitare di sprecare tempo (e soldi) su un mezzo che non viene consultato, è bene conoscere le preferenze e anticiparle.

That’s all folks

Questo è tutto, ma prima di terminare l’articolo e lasciare spazio al tuo lavoro, ricorda cosa sono e non sono le buyer personas.

Cosa NON SONO:

  • schematizzazioni dei tuoi lettori
  • astrazioni dei tuoi lettori
  • solo la tua nicchia di riferimento
  • solo ruoli professionali

Cosa SONO:

  • Profili verosimili
  • Dati biografici e demografici
  • Professionalità
  • Obiettivi, desideri, sogni

Se vuoi condividere la tua esperienza nella creazione delle tue personas oppure hai bisogno di qualche altro consiglio, lascia un commento.

P.S.: come ti avevo promesso ecco le mie buyer personas da prendere come spunto per creare le tue. Buon divertimento!

Scarica le mie Buyer Personas

Inserisci la tua mail per scaricare le mie Buyer Personas come spunto per creare le tue.

About the author

Daniele Donati

Sono Daniele Donati, blogger, copywriter e webwriter. Per conoscermi meglio leggi la mia pagina

2comments

Leave a comment:


>